“ Gli uomini e non le case fanno la Città

Thomas Fuller

Storia del Cinema GriVi


Nel 1941 i fratelli Grillo e Virlinzi iniziarono le pratiche per la costruzione di un cinema su di un vasto terreno, in pieno centro storico, nell’antico quartiere "A Iudeca" (quartiere ebreo), sul retro della chiesa M. SS Addolorata, il cui campanile in stile arabo, adornato da maioliche siciliane policrome, regnava da solo incontrastato.
Le vicissitudini della guerra e della vita fecero accantonare ai proprietari l’idea fino al 1946.
Nel 1948 l’architetto* Carmelo Aloisi assunse l’incarico di progettare e costruire un cinema che fu chiamato GriVi (iniziali dei cognomi dei proprietari); il cinema fu inaugurato nel 1951.

I Signori Grillo e Virlinzi unitamente ad alcune autorita' nel giorno dell' inaugurazione:

CLICCA SULLA FOTO

Ingrandisci immagine

Il cinema, rigorosamente in stile liberty, si presenta imponente con una leggera curva prospettica e si affaccia sulla Piazza A Ghisleri abbracciandola ad angolo retto. Nasce con una capienza di 1100 posti, con un’ottima fono- assorbenza dettata dalle sinuose volte del controsoffitto in eraclit, perfettamente calpestabile attraverso una pregevole opera di corridoi e arcate, e da un particolare materiale che ricopriva le pareti, novità assoluta proveniente dall’Inghilterra.
Il salone, all’altezza della tribuna, era il luogo deputato alle feste e ai banchetti di nozze, le pareti e l’alto tetto erano adornati da pregevoli stucchi, e in alto, in un angolo c’era una nicchia, da dove si esibivano i musicisti.

Erano gli anni cinquanta, la guerra era finita e l’Italia si avviava proficuamente alla ricostruzione.
Sullo schermo si susseguivano i più bei film delle produzioni italiane: Lux film, Titanus e di quelle americane : Goldwin, Mayer, Warner (dal nome dei loro produttori, ebrei dell’Europa dell’est, emigrati in America a causa della guerra e delle persecuzioni razziali).
Indimenticabili i famosi cinegiornali e le settimane Incom, rigorosamente in bianco e nero, che precedevano ogni film.

Il Cinema GriVi, a metà degli anni "50", e con l’avvento della televisione, il cui alto costo la rendeva accessibile a pochi, iniziò a trasmettere ogni sabato lo spettacolo televisivo Lascia o Raddoppia presentato da Mike Bongiorno, che veniva dall’America e portava tante idee e novità.
Nello stesso periodo lo schermo panoramico fu sostituito con quello in cinemascope, e il bianco e nero al colore.
Era l’epoca dei film I Dieci Comandamenti e Ben Hur, i cui incassi, a distanza di cinquanta anni, si possono equiparare solo ad Avatar in 3 D.

Gli anni "60" e "70" continuarono a essere proficui per il Cinema GriVi con le commedie all’italiana, i western e il fil storici.
Occasionalmente sulla pedana, sottostante lo schermo, che inizialmente era usata per gli avanspettacoli, si effettuavano spettacoli teatrali e musicali, mentre il salone delle feste fu trasformato in discoteca con luci psichedeliche e musiche assordanti.

Gli anni "80" segnarono la grande crisi del Cinema GriVi, dovuta alla mancanza di produzioni valide sia italiane sia straniere, e alla presenza sempre più invadente della televisione.
Alla fine degli anni "80" il cinema GriVi cambia ragione sociale e impostazione della programmazione. Iniziano i contatti con le scuole, sono gli anni in cui si parla di educazione all’immagine, di alfabetizzazione dell’immagine, e di protocolli di intesa tra il ministero della Pubblica Istruzione e l’AGIS ( associazione generale italiana spettacolo).
Due studenti ennesi, in periodi diversi, rappresentano la Sicilia al festival del Cinema di Venezia in qualità di giurati del Leoncino d’Oro. E si costituisce puntualmente ogni anno al cinema GriVi una giuria di giovani (50 studenti delle scuole superiori) per il premio David di Donatello.
I film d’essai sono proiettati rigorosamente ogni giovedì per un pubblico di nicchia, che ricerca anche attraverso l’evasione stimoli culturali. “ Venite a leggere un buon libro al cinema” così si intitolava la brochure di commento ai film.

Gli anni "90" accompagnano non solo la rinascita ma anche la chiusura del cinema GriVi per mancanza di adeguamenti alle normative.
Il Cinema GriVi riapre nel febbraio del 2008, dopo aver eseguito gli adeguamenti e trasformato il cinema in una multisala , prossimamente vi sarà installato il 3D , ultima frontiera dell’immagine.

*Carmelo Aloisi, geniale architetto catanese (1894-1970), produsse nel ventennio fascista mirabili opere in art- decò, è considerato uno degli uomini illustri della città di Catania , il suo capolavoro fu il cinema Odeon inaugurato nel 1932.

Con il ripristino nel 2008 del cinema GriVi, una sala è stata intitolata all’architetto Aloisi.



<<  Indietro

 


Seguici anche su:

Documento senza titolo